Israele, ultras di estrema destra minacciano il calciatore perché si chiama “Mohamed”

di | 14 Giugno 2019



La tifoseria vorrebbe fargli cambiare nome perché “troppo islamico”, nonostante lo sportivo sia di origini nigeriane e religione cristiana

Tifoseria violenta – Si tratta di una storia di ordinaria xenofobia per il gruppo ultras “La Familia”, storicamente legato ad ambienti malavitosi e di estrema destra. Il Beitar Gerusalemme, sin dalla fondazione della tifoseria organizzata nel 2005, è spesso stato al centro di episodi di razzismo e discriminazione nei confronti del mondo islamico. Lo stesso club, per giunta, ha ricevuto il divieto dei tifosi di acquistare giocatori di religione musulmana o di origini arabe al fine di non “rovinare la purezza dei valori politici che la squadra esprime”, spiegano gli ultras sul loro profilo facebook. Anche lo stadio, il “Teddy” di Gerusalemme, è soprannominato “Inferno” proprio per il clima ostile, violento e razzista nei confronti delle tifoserie avversarie. Alla “Familia” appartengono esponenti di ogni ceto sociale e di ogni età: in una retata del 2016 furono arrestate 50 persone, fra cui diversi minorenni e 9 membri dell’esercito, dopo un assalto con le asce contro la tifoseria rivale dell’Hapoel Tel Aviv. Fra i tifosi del Beitar ci sono anche nomi importanti: su tutti Benjamin Netanyahu, primo ministro d’Israele, e Reuven Rivlin, capo dello Stato ebraico e ex consulente legale del club. 

Un soprannome – Molti supporter del Beitar hanno reagito condannando duramente le posizioni della tifoseria più estremista, tanto da costringere La Familia a ritrattare le proprie dichiarazioni. “Sentiamo il bisogno di chiarire che noi accogliamo i nuovi arrivati – si legge sul comunicato pubblicato dagli ultras su Facebook – e diamo il benvenuto a chiunque faccia il bene del nostro club. Quasi tutti i calciatori, però, hanno anche un soprannome. Ad esempio Messi è “la pulce” e Mohamed Salah è “momo”. Noi daremo un soprannome a Ali Mohamed”. Il post ha ricevuto centinaia di reazioni negative da parte dei tifosi della squadra ebraica, che hanno definito “disgustosi”, “vergognosi” e “razzisti” gli ultras.

Minacce alla dirigenza – Non si è salvato nemmeno il presidente della squadra, che ha ricevuto minacce di morte sia scritte che telefoniche da alcuni esponenti del mondo ultras. Non è la prima volta che accade: il Beitar ha cambiato 3 presidenti in 6 anni a causa delle fortissime pressioni che la tifoseria esercita sulle decisioni della dirigenza. Il mercato della squadra deve ad esempo passare al vaglio degli ultras, che possono approvare o rifiutare i calciatori. Nel caso di Mohamed, prima dell’approvazione, i tifosi hanno svolto una “approfondita indagine su possibili collegamenti fra lo sportivo e il mondo musulmano”, spiegano gli ultras.

Acquisto oneroso – Ali Mohamed è stato pagato 2.5 milioni di dollari, una cifra molto alta per il campionato locale. A soli 23 anni ha vinto il premio di miglior giocatore della Premier League israeliana ed è considerato uno dei maggior talenti del calcio locale. Dopo il settimo posto dell’ultimo campionato, il Beitar Gerusalemme ha acquistato il calciatore con l’obiettivo dichiarato di riconquistare la vetta della classifica.




http://www.tgcom24.mediaset.it/rss/mondo.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *