Rogo Notre-Dame, la cattedrale non era assicurata per i danni

di | 17 Aprile 2019


Rogo Notre-Dame, la cattedrale non era assicurata per i danni

La cattedrale di Notre-Dame non era assicurata, e quindi dovrà essere lo Stato francese, proprietario della struttura, a farsi carico dei costi per il restauro del monumento andato a fuoco lunedì sera. Lo Stato francese, infatti, per norma è assicuratore di se stesso per quanto concerne gli edifici religiosi dei quali è proprietario. Il ministro della Cultura, Franck Riester, ha comunque garantito che “lo Stato farà quello che serve”.

L’aiuto della colletta privata – Allo Stato francese verranno, comunque, in aiuto le sottoscrizioni della colletta privata, che solo nella giornata di martedì ha toccato quota 700 milioni di euro e dovrebbe superare a breve il miliardo.

La solidarietà delle cattedrali di Francia – Intanto, le campane di tutte le cattredrali di Francia suoneranno mercoledì alle 18.50, l’ora in cui lunedì è scoppiato l’incendio a Notre-Dame. Lo riferisce France Info. Un gesto di solidarietà che vuole simboleggiare anche l’unità nazionale di fronte al disastro. La diocesi di Parigi ha, inoltre, annunciato la “delocalizzazione” delle messe pasquali: nella chiesa di Saint-Sulpice sino a sabato e il giorno di Pasqua a Saint-Eustache.

Il messaggio del papa – “Colgo questa occasione per esprimere alla comunità diocesana di Parigi, a tutti i parigini e all’intero popolo francese il mio grande affetto e la mia vicinanza dopo l’incendio nella Cattedrale di Notre-Dame”: sono queste le parole di vicinanza pronunciate da papa Francesco nei saluti ai pellegrini francesi presenti all’udienza generale in piazza San Pietro. “Cari fratelli e sorelle, sono rimasto addolorato e mi sento tanto vicino a tutti voi, a quanti si sono prodigati anche rischiando di persona per salvare la basilica va la gratutidune di tutta la Chiesa. La Vergina Maria li benedica e sostenga il lavoro di ricostruzione, possa essere un’opera corale a lode e gloria di Dio”, ha detto il pontefice.




http://www.tgcom24.mediaset.it/rss/mondo.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *