Il ciclone Idai si abbatte su Mozambico, Zimbabwe e Malawi: almeno 150 morti

di | 16 Marzo 2019



Mozambico, Zimbabwe e Malawi sono stati colpiti da un ciclone Idai che ha provocato almeno 150 vittime e centinaia di dispersi. Nelle aree rurali più povere in decine di migliaia sono isolati a causa delle strade fuori uso e di blackout telefonico. Sono in complesso più di un milione e mezzo le persone colpite dal violento ciclone nei tre Paesi dell’Africa Australe, secondo dati Onu e fonti governative ufficiali.

Il centro maggiormente danneggiato è la città portuale mozambicana di Beira, dove è stato chiuso l’aeroporto, non c’è elettricità e molte case sono distrutte. Già nella giornata di venerdì il ciclone tropicale aveva provocato alluvioni anche nel sud del Malawi e in alcune zone dello Zimbabwe.

Le forti piogge hanno devastato edifici, strade, porti e colture e i governi del Malawi e del Mozambico hanno dichiarato lo stato di emergenza e chiesto l’aiuto internazionale. Idai si è abbattuto sui Paesi africani con venti che soffiano sino a 225 chilometri orari. I cittadini erano stati infatti invitati a prepararsi allo “scenario peggiore”.




http://www.tgcom24.mediaset.it/rss/mondo.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *